💼 Il mio primo lavoro

Premetto che è la terza volta che mi metto a scrivere questo post perché voglio iniziare in mille modi differenti.

Uno dei miei pensieri principali è sempre stato quello di lavorare, non solo per guadgnare soldi ovviamente, ma anche per l'essere indipendente. Sono sempre stato orientato sul non “far pesare niente ai miei” nonostante, effettivamente, non mi sia mancato mai niente.

Però dopo i 20 anni il pensiero si fa sempre più forte perché si è raggiunta un’età in cui non si è poi così pischelli.

Con il percorso di studi che ho fatto, ovvero informatica, dalle superiori all’università, lo sbocco professionale è quasi sempre unidirezionale: lavore in una software house come junior e mano a mano fare carriera, soprattutto all’inizio quando una delle tante motivazioni per cercare lavoro è fare curriculum.

Devo essere sincero, quel tipo di lavoro (e futuro) non fa per me, non mi ci vedo 8 ore davanti ad una scrivania a scrivere codice da debuggare e sclerare perché non gira o il programma ha dei bug… No, capisco che quello dello sviluppatore sia una delle professioni ricercate al momento, ma non fa per me.

Non fraintendete, mi piace programmare, ma come altre mille cose, come hobby.

Ma tornando a noi… Poco prima di laurearmi mi è stata inviata via l’apertura di un bando a cui ho mandato la richiesta di partecipazione il giorno stesso della laurea.

Ora posso dire che quel bando l’ho vinto e da poco più di un mese lavoro come tecnologo al SIMNOVA, ovvero al Centro Interdipartimentale di Didattica Innovativa e di Simulazione in Medicina e Professioni Sanitarie dell' Università del Piemonte Orientale.

Logo SIMNOVA

Molto MOLTO brevemente, mi occupo di tutta la parte informatica del centro.

Ammetto che la prima cosa che ho pensato entrato nel centro è stata “non ne sono all’altezza " ( e ammetto che un po' lo sto pensando adesso, anche se molto molto meno) perché la mole di lavoro non è tanta quantitativamente ma devo stare sempre sul pezzo, e questa cosa non mi dispiace perchè mi fa stare sempre concentrato, ma nello stessto è un atteggiamento totalmente nuovo come il lavoro stesso.

Sala simulzione

Sapete quando le aziende mettono ambiente di lavoro dinamico e motivante ? Beh, al 90% serve ad attirare i potenziali neo assunti (ma po chi è che ci casca nel 2021), ma il SIMNOVA fa parte di quel 10% dal mio punto di vista, sia per le persone con cui lavoro ma anche per le cose completamente nuove che sto imparando e altre nozioni che sto affinando grazie alla pratica.

Non so quanto possa trasparire da questo post, ma sono davvero felice in questo periodo.

Per concludere ad oggi penso di essere già fortunato ad avere un lavoro e in più ad esser totalmente felice nel svolgerlo.